25 APRILE SAN MARCO EVANGELISTA

La retorica del 25 aprile si fonda su racconti delle “malefatte” commesse durante il tanto vituperato ventennio fascista:”le Squadre d’azione, confino, delitto Matteotti, dittatura, imperialismo, leggi razziali, deportazioni, olocausto, eccetera”, verità storiche distorte e faziose, che sempre più prepotentemente scricchiolano, grazie all’onestà professionale ed intellettuale di storici non politicizzati o campanilisti! Il santo pontefice Pio XII, che molto fece per gli ebrei, a tal punto che finita la seconda guerra mondiale il rabbino capo di Roma Zolli si convertì al cattolicesimo, disse che il secondo conflitto mondiale era stato originato dallo sciagurato trattato di Versailles! Per ricapitolare: dopo 8 settembre, il nuovo governo Badoglio non si preoccupò minimamente di rendere fuorilegge le leggi razziali, che restarono in vigore fino al 1947. Gli alleati, con in testa gli Americani, fin agli inizi degli anni sessanta per legge praticavano l’apartheid tra bianchi e neri (non che adesso vada meglio), i Francesi avevano colonie in giro per il mondo praticando sulle popolazioni autoctone uno schiavismo e sfruttamento sistematico. Ancor peggio l’imperialismo inglese. Che strano concetto di democrazia gli Alleati! Ma come dice un vecchio detto: il lupo perde il pelo ma non il vizio, infatti l’America dalla fine della seconda guerra mondiale, ha esportato democrazia a suon di bombe, in ordine cronologico, Corea, Vietnam, fino ai nostri giorni, vedi Serbia, Irak, Afghanistan, e fra non molto Iran (per non citare le guerre occulte con squadre di mercenari che li vede impegnati in america latina ed in Africa). Il servilismo democratico italiano è equamente rappresentato dai governi italiani che si sono succeduti, di destra e di sinistra. La Serbia fu bombardata da aerei che partivano dall’Italia ai tempi del democratico Clinton, con il beneplacito del governo Dalema. Mentre le guerre asiatiche hanno messo in risalto l’addomesticamento dei governi di centro destra. Ma per fortuna le persone vittime delle bombe intelligenti non hanno sofferto e non soffrono, perchè dilaniate da bombe democratiche! Poi, c’è lo Stato più democratico al mondo: Israele, nazione nella quale ancora ai nostri giorni si pratica una democratica apartheid contro i palestinesi musulmani e cristiani, ne è riprova il muro che si erge per chilometri. Costruzione obbligata, per far si che gli israeliani si possano difendere dai terroristi islamici, che come arma di distruzione di massa solitamente usano sassi lanciati da bambini palestinesi. E non voglio entrare nel merito del razzismo Talmudico! Si enfatizzano negativamente manganello e olio di ricino(che oggi ne servirebbe davvero tanto), ma nessuno si scandalizza dalle manganellate ordinate alla polizia dai vari prefetti, equamente ripartite e vibrate: lavoratori che scioperano, studenti, allevatori bovini o comuni cittadini che si oppongono all’accatastamento dell’immondizia altrui nei loro paesi, eccetera! Sicuramente le manganellate democratiche non arrecano alcun dolore! E che dire delle stragi di Stato, che per depistare il vero mandante (apparati deviati dello stato italiano) vengono attribuite all’estremismo di destra o di sinistra? – Quanta ipocrisia! Il modello di società ultra capitalista imposta all’Italia e l’Europa dall’usura internazionale, con le bombe Alleate, supportati dai partigiani comunisti sta trascinando alla fame milioni di uomini, ed ancora si evocano gli spettri del presunto pericolo fascista! La Costituzione italiana invece di vietare il conio della nostra moneta alle banche private, vieta il fascismo! Considerato lo spessore culturale e morale dei politici e intellighetia italica non ci si può meravigliare, come non ci si può stupire se si pensa che in Democrazia per legge si può uccidere: droga, aborto, eutanasia, pena di morte applicabile per “imminente minaccia di guerra o si verifichino delle rivolte civili (Perché si ipotizzano tali scenari?) come previsto dal Trattato di Lisbona. Divorzio, matrimoni omosessuale ed adozione di bambini a coppie omosessuali! Ma la cosa più contraddittoria del regime democratico sono le leggi che vietano la libertà d’espressione, di pensiero o idee (vedi legge mancino in Italia)! Sicuramente vi sono persone che preferiscono vivere la libertà negli spazi che gli consentono, e questi festeggeranno il 25 aprile la loro “liberazione”, altri pretendono la libertà che per natura gli spetta il 25 aprile festeggeranno san Marco evangelista!

Emilio Giuliana www.newfiammatrentino.info