BARI – Vendola: sulle centrali nucleari in Puglia dichiarazioni da talebano

Nichi Vendola, il candidato delle sinistre alla carica di Presidente della Regione Puglia, la spara grossa. Usando l’arma del terrorismo psicologico, per giocarsi al meglio la sua campagna elettorale, interviene sulla questione centrale nucleare, come del resto sta facendo la sinistra in altre località italiane. Pericolose le dichiarazioni sull’intervento dell’Esercito, laddove il governo voglia individuare dei siti in Puglia per la costruzione di centrali nucleari. Attenzione a non cadere nel tranello del ricatto vendoliano. Gli ipotetici siti dove costruire le centrali in Puglia non sono stati individuati da questo Governo, ma sono segnalazioni datate negli anni ottanta, in quanto la Puglia è notoriamente una Regione a basso rischio sismico. Ma soprattutto “non è di competenza” della giunta regionale la discussione sulla costruzione di centrali nucleari. Non mi sembra che la campagna elettorale per l’elezione del consiglio regionale debba trattare i temi del nucleare. Questa è la solita truffa del venditore di fumo: piuttosto parli di sanità, di salario sociale, di aumenti delle tasse regionali, di eolico selvaggio, di fotovoltaico inutile, parliamo di cose reali e non di poesia. I poeti rossi che vogliono fare gli ecologisti si facciano una passeggiata per le campagne pugliesi e guardino quante discariche a cielo aperto sono presenti e quanto eternit non smaltito sia presente. (Giovanni Demarco – Segreteria Nazionale M.S.Fiamma Tricolore)