CESENA – L’ASSESSORE ALLA SICUREZZA SI ARRAMPICA SUGLI SPECCHI.

L’Assessore alla Sicurezza si arrampica sugli specchi. Non posso non esimermi nel dissentire su quanto ha dichiarato l’Assessore Piraccini,in riferimento alla sicurezza,in particolar modo alla grave situazione in cui versa la località di Bulgarnò,e l’area dell’ex zuccherificio,ricettacoli di una forte presenza di immigrati irregolari e di una microcriminalità incontrollata,frutto di un’Amministrazione disattenta che ha contribuito con la sua inerzia al degrado e alla criminalità. Le solite frasi di circostanza quelle dell’Assessore,il classico “arrampicarsi sugli specchi”quando non si hanno argomentazioni valide e quando il problema è legato a una connivenza di una politica delle porte aperte:gli immigrati “servono” alla nostra economia e producono ricchezza,è quanto ci ripetono fino all’ossessione…… La sicurezza dove essere uno dei punti fermi di un’Amministrazione seria.,presiedere e conoscere il territorio significa conoscere ciò che avviene,le sue caratteristiche,chi vi abita;avere cioè il polso della situazione ed intervenir non appena si riscontrano quei cambiamenti che possono mettere in pericolo la collettività. Non si può tollerare che i clandestini e delinquenti siano liberi di scorazzare impunemente sul nostro territorio e “tenere sotto scacco” una comunità o rappresentare un pericolo pubblico. E’ incredibile che l’assessore dichiari,dopo un anno della sua nomina, che ancora sono in cantiere interventi per incrementare la sicurezza;voglio rammentare al Dottor Piraccini che in tutto questo lasso di tempo bisognava adoperarsi con concretezza al fine di risolvere tutte quelle situazioni che ancor oggi mettono in pericolo la nostra collettività, è anche vero,però, che i cittadini non sono ancora a conoscenza di un’analisi del suo operato e/o una piattaforma programmatica per il suo mandato,alla faccia della tanto sbandierata politica sulla sicurezza,per la quale è stato istituito il suo assessorato,e alla faccia pure dei cittadini elettori. Come è altrettanto incredibile che il Sindaco Lucchi,sia molto più attento ad apparire costantemente sulla stampa,quasi come una sorta di mania di protagonismo,che a vigilare sull’operato dei suoi amministratori ed indurli ad affrontare seriamente e tempestivamente i problemi che affliggono la città. Pertanto,alla luce dei fatti è doveroso chiedere all’Assessore alla PM quali progetti ha posto in essere dopo 1 anno dall’insediamento? Quali direttive alla PM da parte della Autorità Comunale? E se esiste una programmazione organizzativa che possa dare continuità nell’opera di contrasto al degrado e alla criminalità. In una città la cui amministrazione, in campagna elettorale, ha promesso mari e monti, puntando moltissimo anche sulla sicurezza,non ci si può sottrarre dagli impegni presi con i cittadini, che sono stanchi di promesse sventolate e mai mantenute.

Rosalba Santacroce Cesena,24/04/2010