CIO’ CHE AFFERMIAMO

LE PAROLE D’ORDINE DEL NUOVO CORSO

tratte dalla MOZIONE DEL SN

votata al VII CONGRESSO NAZIONALE

 “Nella  Tradizione il Futuro.”

 

Dal disastro di Fiuggi , il MSFT è stato l’unico erede del portato  del MSI ed è l’unica
FORMAZIONE POLITICA che possa rilanciare il progetto del Movimento Sociale Italiano nella sua più antica ed al tempo stesso attualissima  essenza.                             La sua Classe Dirigente ha saputo-superando   crisi, lutti e tradimenti-dimostrarsi all’altezza del suo compito  battendosi con  intransigente fermezza rispetto all’obbligo di Fedeltà  ai valori fondanti  e sostenuta  dall”  indomabile orgoglio della propria missione.
Ciò non  nel nome di una vocazione all’isolamento od all’autoreferenzialità, ma della consapevolezza di essere depositari di un “Tesoro di idee e Valori” che affonda le radici nella Tradizione PLURIMILLENARIA delle nostre Genti.
 Idee e Valori che abbiamo il dovere di tentare con tutte le forze ed ad ogni costo,di inverare nel futuro politico di questa Nazione e di  quell’Europa dei Popoli,dall’Atlantico agli Urali che è stata  ed è la speranza di un Mondo – travolto dalla tanto onnipresente e polimorfica  quanto all’apparenza irreversibile SOVVERSIONE–  alla ricerca di un 
Nuovo Ordine.
TUTTO CIO’  pone il MSFT  al centro del percorso di rinascita di quel “soggetto politico 
Alternativo al sistema ” che da troppo tempo late nel panorama politico nazionale
PROSPETTIVE  STRATEGICHE.

Nel contesto di una situazione socio politica di forte fluidità ed incertezza, La Fiamma deve operare nella prospettiva di medio e lungo termine nel rafforzamento e capillarizzazione della presenza sul territorio,nello stringere rapporti sinergici con formazioni politiche affini per valori condivisi  e comportamenti , o realtà locali , associazioni o  movimenti spontanei assimilabili .

Nella postulazione dei nostri ideali, nell’esaltazione della nostra Tradizione, nella  testimonianza diuturna della differenza di comportamento di chi basa sull’ONORE la propria regola di vita, dovrà essere possibile per ogni membro del Popolo riconoscere i nostri militanti .
V’e’ bisogno d’esempi, la Fiamma deve essere quell’esempio che da troppo tempo l’Italia, l’Europa aspettano invano

SE SI VUOLE AVERE PESO NEL PANORAMA POLITICO BISOGNA AVERLO INNANZITUTTO NELL’IMMAGINARIO E NEL CUORE DEL NOSTRO POPOLO .

IL PROGRAMMA

Si riportano di seguito  i punti salienti alla postulazione dei quali si darà priorità .
si rimanda, per l’approfondimento,al programma nella stesura integrale, del 2006,mai  abrogato e ripubblicato sul sito nazionale .

SOVRANITA’

Politica:
Rifiutiamo l’Unione Europea nata a Maastricht,
costruire l’EUROPA DEI POPOLI

Economica:
Signoraggio della moneta  
la Banca Centrale, torni necessariamente di proprietà dello Stato.
Libertà di circolazione della  moneta contante 

Militare:
Uscire dalla Nato,con chiusura a breve delle basi NATOI(oltre cento) sul nostro territorio;potenziamento strutture militari Nazionali , partecipazione alla Formazione di un Esercito Europeo  attraverso contingenti nazionali.

E’inoltre urgente e necessario il blocco dell’immigrazione Extracomunitaria, l’espulsione di ogni di ogni clandestino o regolarizzato che si macchi di reato, il rimpatrio di ogni Extracomunitario che non dimostri di svolgere un’attività lavorativa .

SOCIALITA’

Rifondare lo  Stato Nazionale del Lavoro nello Stato Organico,Trasformazione delSenato della Repubblica in Camera delle arti e dei mestieri composta da 400 membri-così come la Camera- eletti dalle categorie del Lavoro.
– Attribuzione ogni cittadino del  reddito monetario di cittadinanza a norma del 2° comma dell’art. 42
 preferenza nazionale nell’assegnazione delle abitazioni di proprietà pubblica;
Drastica riduzione della Fiscalità con RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE al 25% per i proventi generati dell’attività produttiva.

IDENTITA’
“Non e’ possibile un nazionalismo che sia preludio di resurrezione . . che non si ponga l’esigenza base di restaurare un ordine di valori irriducibili . . .per conferire a tali valori un primato ed una autorita’ diretta su tutto il resto.
Senza di cio’ non esiste gerarchia,e senza gerarchia il ritorno ad un tipo superiore, spiritualizzato di Stato non e’ possibile.”
Paul de Lagarde

Salvaguardia e rilancio della lingua, della cultura e dell’identità italiana 
Rifiuto della società multiculturale, che azzera la varietà culturale e non esalta le tradizioni dei popoli.
Difesa delle Tradizioni e della Memoria storica

Rilancio delle Politiche per la Famiglia e consolidamento della Comunità nazionale
Tutela  delle fasce più deboli, dai bambini agli anziani: con coerenti politiche a sostegno della famiglia e le pensioni contributive,in particolare le meno elevate, reperendo anche  fondi derivati dall’annullamento delle pensioni sociali ed ogni altro beneficio ai ai non Italiani. 
   Revisione dell’attuale diritto di famiglia, con la restaurazione della centralità della figura del  
Pater Familias, fulcro e motore dell’ordine sociale tradizionale

Valorizzazione delle tradizioni ed il patrimonio culturale di ogni area del territorio Patrio, con particolare attenzione al Meridione da parte di una Comunità Nazionale conscia delle scaturigini della “questione Meridionale” le cui radici affondano nel saccheggio sistematicamente condotto dai Vicere’ dello Stato Unitario, almeno sino agli anni ’90 del secolo xix, ai danni del territorio e delle popolazioni di quello che fu uno degli Stati “più progrediti dell’area mediterranea Europea”
porsi alla guida del riscatto dei fratelli figli di quella gloriosa quanto tragica  Storia,è impresa che la Fiamma Tricolore si impegna ad affrontare nel nome dei superiori destini della Patria nel contesto di un’Europa dei Popoli, erede dei due cicli Imperiali sui quali per 25 secoli si e’ fondata la Civilta’ d’Occidente.”



————————————–Segreteria Nazionale – Ufficio Stampa