CIVITAVECCHIA (RM) – I CAMALEONTI DELLA POLITICA

Lo scrivente, Gabriele Pedrini, Segretario Federale della Fiamma Tricolore, sicuro di interpretare i sentimenti dei cittadini “pensanti” e “benpensanti” di Civitavecchia, desidera,  con queste poche righe, operare una riflessione sulla strana fisionomia pubblica di taluni personaggi della politica locale che folgorati, sulla via della poltrona, dalla luce tanto della coerenza politica quanto della salvaguardia del bene della collettività (sic) sono in grado come appunto i “camaleonti” di cambiare colore, transitando “ex abrupto”, da un rosso vivo, senza assumere tonalità intermedie, a un azzurro cielo: potenza della legge del “ panta rei”. Apprendo oggi, con sommo piacere, che l’ex Assessore, nonché ex Consigliere Comunale, e quindi con sostanziosi pregressi nell’amministrazione della cosa pubblica civitavecchiese, Fabiana Attig, da un anno circa al vertice di Freedom, si adopera con lena a fare le cosiddette “bucce” all’attuale amministrazione comunale, colpevole, a parer suo, di imperdonabili “leggerezze” nell’impiego del pubblico denaro, attraverso la discutibile utilità di determinate consulenze esterne. Sull’argomento, lo scrivente, non può non esortare la Attig a proseguire nella sua crociata moralizzatrice, rimane solo perplesso dal fatto, che solo ora, quando al di fuori ormai dalla giunta comunale e uscita dal partito che per eccellenza dovrebbe rappresentare gli interessi di un  popolo vilipeso e sfruttato, abbandonata la toga rossa di “vestale del popolo” ne abbia, ora, indossata una azzurro cielo pretendendo di rivestire ancora il ruolo di “vestale del popolo”: ma allora, in realtà, chi difende veramente gli interessi del popolo tra le due vestali, la precedente con la toga rossa o l’attuale con la toga azzurra? Popolo, oltre che sfruttato e vilipeso sei, nella migliore delle ipotesi, anche frastornato, ma consolati: forse lo stesso Fregoli (uno dei più grandi trasformisti n.d.r.) resterebbe perplesso di fronte alla capacità di trasformismo dei politicanti attuali che, quando posti di fronte al tracollo della poltrona, sono in grado immediatamente di assumere altri colori politici pur di restare, o di tornare, seduti là dove si amministra la cosa pubblica… chissà perché. A proposito, ma quando la vestale in argomento era Assessore all’Ambiente non si è mai resa conto dell’incommensurabile quantità di amianto con cui ha dovuto all’epoca e deve convivere oggi la popolazione di Civitavecchia? Non mi resta che concludere ricorrendo alla saggezza dei Padri, usi commentare le squallide miserie umane con le pacate e amare parole: “…sic transit gloria mundi”.

(Gabriele Pedrini – Segretario Federazione Roma Nord del MS-Fiamma Tricolore)