CIVITAVECCHIA (RM) – Ma che bella torta!!!

MA CHE BELLA TORTA!!!

Ho letto con interesse e condiviso “in tolto” il comunicato stampa che la Associazione Regionale del Lazio per la lotta contro le illegalità e le mafie “Antonino Caponnetto” ha emesso in merito alla vicenda della Port Authority ed ai motivi che sono stati alla base del “commissariamento” della stessa e della “rimozione” del Sig. Ciani. In merito mi lascia perplesso il silenzio che intorno al contenuto di tale comunicato hanno operato le maggiori testate cittadine e le solite tarantellanti voci politiche , come se tali contenuti fossero stati giudicati “non veritieri” o costituissero “ verità di parte” : ma la verità non può avere colore politico , la verità, per quanto “scomoda” e “nociva” ad un immagine di partito é , e resta pur sempre , “la verità” sulla base della quale giudicare coloro che hanno gestito “ in nome del popolo” la “ cosa pubblica”. In prima istanza , non posso che apprezzare l’unica testata che ha dato spazio alla notizia. In seconda istanza , non posso che deprimermi per il comportamento delle altre testate: le congiure del silenzio fanno male ai principi democratici che dovrebbero costituire l’impalcatura di società complesse ed eticamente evolute o che si ritengono tali, in tale contesto , gioca un ruolo determinante la possibilità d’accesso per chiunque alla “libera comunicazione”: ogni notizia che, qualora “veritiera”, venga volutamente “sottaciuta”, equivale inesorabilmente ad un bavaglio imposto alla libera facoltà di esprimersi ed apre le porte alla “ disinformazione” della pubblica opinione , artatamente “disorientata” circa l’operato dei pubblici amministratori. Sulla base di quanto affermato dall’Associazione in parola ciò che la stampa ha pubblicato in merito alla vicenda del Sig. Ciani sembra non riflettere interamente ed esaurientemente tutti gli aspetti della problemaica in questione tra le cui luci , molto poche verità , ed ombre , molte e dense , l’accertamento condotto dalla Corte dei Conti , per quanto concerne gli emolumenti percepiti “ indebitamente” dal personale dirigente nel periodo 2005/2008 , ha rilevato un ammontare pari ad euro 165.665,30 e ciò che ancora più sconcerta , emerge , da parte dei responsabili , un continuo ricorso : “ …all’uso indiscriminato di gare ufficiose..” mentre : “ …….la composizione della commissione di gara risulta sempre formata dagli stessi nominativi…”, peraltro , l’azione di recupero delle somme “indebitamente” percepite/erogate : “ …sarà notevolmente decurtata dalle avvenute prescrizioni..”. Da tale quadro emerge, in tutta la sua eloquenza , l’incontrovertibile golosità che la torta costituita dal Molo Vespucci suscita nei partecipanti alla “riffa” per le funzioni di Authority….altro che “civitavecchiesi doc” !!! Qui di “doc” sembrano esserci ben altre cose!!!E tutte , peraltro , poco simpatiche!!!! Sarebbe meglio , molto meglio che la Port Authority restasse nelle mani del personale della Capitaneria : almeno costoro anche se “ non civitavecchiesi doc” obbediscono , però , ai Regolamenti Militari , al Codice Penale Militare ed a quello Ordinario e quando sbagliano , quindi , comunque “ pagano”! Con l’innegabile vantaggio economico , peraltro , di percepire i soli emolumenti previsti dal loro contratto con lo Stato!

Il Segretario Federale Fiamma Tricolore

Gabriele Pedrini