CIVITAVECCHIA – UNO TSUNAMI DI LIQUAMI !!!!

UNO TSUNAMI DI LIQUAMI !!!!

Se quello che riporta la stampa cittadina a proposito di assunzioni all’ENEL chieste da consiglieri dell’opposizione al Sig.Moscherini a favore di famigliari stretti , se il Sig. Garcia si “autoassume” sempre come indicato dalla stampa cittadina, se il Sig. De Francesco poggia il suo augusto sedere sulla poltrona dirigenziale dell’ETM come riporta sempre la stampa cittadina allora tutto diviene possibile, ma davvero tutto. Mi sorge un dubbio veramente amletico : ma che siano tutti “compagni di merende”i rappresentanti del popolo sedenti al Pincio? E se ciò dovesse corrispondere a realtà cosa mangerebbero durante le stesse? Su questa seconda domanda , pur sempre legittima, mi pare opportuno non aprire alcuna parentesi : non spetta ad alcuno ficcare il naso nelle pentole altrui se non agli organi deputati a farlo. Resta pur sempre un alone di indeterminatezza quando ci si trova di fronte a comportamenti definibili “ border line” in tema di “etica” e di “ autorevolezza” intesa come consapevolezza dell’esistenza di una pubblica immagine di sé stessi nei riguardi di una pubblica opinione ,ciò è vero quando e se dei contribuenti si abbia la dovuta considerazione e non li si consideri alla stregua di “vacche da latte” cui spremere le mammelle tra una merenda e l’altra. Peraltro, il popolo di Civitavecchia é storicamente abituato alle razzie: i mori lo costrinsero ad abbandonare il litorale per rifugiarsi sulle alture e da allora le razzie sono divenute una costante non più,però, da parte dei mori ma di moderni “lanzichenecchi” che considerano la “res publica” alla stregua di “res nullius” e quindi fonte di “bottino” o “saccheggio”. Il “corsaro” Francis Drake, famosa ed ambigua figura della marineria britannica, costruì le sue fortune di Sir depredando i galeoni spagnoli in nome della corona inglese, il “pirata” Henry Morgan, oscuro malfattore comune, non morì impiccato lungo i docks di Londra ma comodamente nel suo letto di Governatore della Giamaica : sembra quindi che il mare abbia sempre portato fortuna a coloro che su di esso o tramite esso hanno sfidato la sorte e la legge degli uomini. Però, popolo di Civitavecchia fa attenzione : oggi il “Mare nostrum” ,in funzione del corrente panorama politico , ed anche ambientale potrebbe regalarti ,non fortuna, ma un potente “tsunami di …liquami” il cui contenuto non é mai piacevole…specialmente con le temperature attuali. In tale, contesto ti esorto a due alternative : o ritirarti passivamente sulle alture ed attendere che il probabile “tsunami” colpisca e si esaurisca o ad analizzare l’opportunità di mettere in atto tutte le misure tecniche necessarie a scongiurarlo.

Il Segretario Federale Gabriele Pedrini