Comunicato stampa on. Luca Romagnoli

Al Signor Presidente della Corte d’Appello di Roma Ufficio Centrale Circoscrizionale elettorale del tribunale di Roma. Egregio Signor Presidente, nell’augurarle buon lavoro la invito a nome dei tanti cittadini onesti della nostra Regione a svolgere con scrupolo assoluto e perizia professionale il controllo sull’autenticità e unicità delle sottoscrizioni presentate dai Partiti per le elezioni regionali nel Lazio del 28 e 29 marzo 2010, come del resto prevede la vigente normativa. Mi riservo in proposito (la invito pertanto alla conservazione agli atti della presente con l’Atto Principale della Lista Fiamma Tricolore), ogni azione di esposto alla Procura della Repubblica di Roma. In fede. On. Luca Romagnoli Segretario Nazionale Movimento Sociale Fiamma Tricolore PS In allegato testo comunicato stampa ——————————————————————- “La Fiamma non ci sarà e Luca Romagnoli non sarà candidato Presidente alle elezioni regionali del Lazio. Non è una scelta, è invece conseguenza di due semplici fatti: non siamo riusciti a fare quello che con le firme hanno fatto e fanno molti, non dico tutti, altri; una legge elettorale folle che pretende una raccolta di firme impossibile per chi non ha soldi per pagare le autentiche o non trova compiacenti autenticatori. Nel Lazio la Fiamma farà comunque campagna elettorale per la Provincia di Viterbo e per il Comune di Tivoli. E faremo pure campagna elettorale per la Regione incominciando a pubblicizzare i risultati di dieci anni d’amministrazione e malaffare regionale. “Sceglieremo i migliori”? Sosterremo e voteremo per chi e per come ce lo saprà chiedere. Così che gli elettori possano scegliere informati di come i loro soldi sono stati utilizzati e chi hanno arricchito in questi anni. Ringrazio comunque Bruno Berardi che aveva accettato per la Domus Civitas prima il capolistato a Roma e quindi la Presidenza quei militanti che si sono fino all’ultimo impegnati”.

Luca Romagnoli.

Allegato: elezioniok