LEGNANO (MI) – Solidarietà con i lavoratori della Mivar

Il Movimento Fiamma Tricolore, provincia di Milano,unitamente al Circolo Culturale Domenico Leccisi, esprime la propria solidarietà nei confronti della ditta Mivar,del suo proprietario e dei dipendenti tutti, per l’imminente irriversibile chiusura definitiva dell’azienda; chiusura determinata dalla terribile crisi che attanaglia tutta l’Italia da diversi anni.

La ditta Mivar è l’ultima ditta italiana che produce televisori e dall’anno della sua fondazione ad oggi non risulta aver mai esportato i suoi prodotti all’estero. Dopo vari tagli al personale e alla cassa integrazione, il 30 novembre la ditta chiuderà per sempre  Un altro pezzo del made in Italy destinato a scomparire.

Sabato 23 novembre 2013 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 i militanti del Movimento Fiamma Tricolore e del Circolo Culturale Domenico Leccisi faranno un sit-in davanti alla ditta Mivar,in via Azaia di Bereguardo 1 Abbiategrasso, per manifestare la loro  solidarietà nei confronti dei lavoratori che da dicembre non avranno più un lavoro ed il relativo stipendio. A fronte della sofferenza dei tanti,troppi connazionali che,perso il lavoro dovranno affrontare un futuro incerto, rimane la squallida realtà rappresentata dall’incapacità del Governo e dei partiti che lo sostengono ad affrontare l’attuale momento emergenziale in cui è stato cacciato il popolo italiano da una parte della  classe dirigente composta da “……..”  cui si aggiungono i restanti “capi,capetti,e sotto capi tutti  impari al compito  cui sono chiamati; vale a dire: risolvere seriamente i problemi del Paese,primo fra tutti quello concernente il lavoro.

L’anti-politica ormai prevale nell’opinione della maggior parte degli italiani sulla politica partitocratica risultata sterile,quanto inutile e capace soltanto di aggravare il dissesto dello Stato. Il popolo soffre,mentre i suoi cosiddetti rappresentanti godono di privilegi, prebende e poteri che l’umile cittadino non sa nemmeno dove stiano di casa.

Uscire dall’Euro,ed anche dall’Europa cosiddetta unita diviene un imperativo categorico per l’Italia al fine di garantire la sopravvivenza del suo popolo. Stante l’insensibilità di numerosi partner europei l’Italia deve recuperare la propria sovranità ed indipendenza da potenze straniere per affrontare una volta per tutte anche “l’emergenza immigrazione extra-comunitaria”.

I lavoratori della Mivar-come tanti altri lavoratori in Italia-sono stati abbandonati alla furia della crisi mentre alcuni hanno affossato le loro attività produttive sperperando danaro che non gli apparteneva  mentre, guarda caso, proprio le banche non aiutano le piccole e medie imprese affinchè possano sopravvivere in attesa che nuove forze- quali potrebbero essere le nostre-con lungimiranza ed in forza del loro programma possano finalmente riavviare l’economia del Paese per uscire dal baratro in cui la nazione è stata cacciata da oltre 60 anni di sperpero del denaro pubblico e ladrocinio.

Un plauso particolare lo merita l anziano proprietario della Mivar in quanto,caso unico,ha dimostrato realmente la propria vicinanza ai suoi dipendenti sacrificando in buona parte i suoi interessi personali pur di mantenere il più possibile in vita la prestigiosa azienda.

Fiamma Tricolore Legnano Sezione Domenico Leccisi e Carlo Borsani

Circolo Culturale Domenico Leccisi di Legnano