LONIGO.FACCIA A FACCIA DI FRONTE AI CITTADINI TRA ROSIN, NICOLIN, LAZZARI, BOSCHETTO E PUSCHIAVO

IL GIORNALE DI VICENZA

Sabato 27 Marzo 2010 PROVINCIA Pagina 44

LONIGO.Faccia a faccia di fronte ai cittadini tra Rosin, Nicolin, Lazzari, Boschetto e Puschiavo

Confronto tra candidati all’insegna del fair play

Cultura, formazione, lavoro e rilancio economico nei programmi

La campagna elettorale per le comunali leonicene si è chiusa con un pubblico confronto al quale hanno partecipato i cinque candidati alla carica di sindaco. La serata si è svolta all’interno dei padiglioni del Meeting regionale di Protezione Civile di fronte a un pubblico folto e interessato. Il faccia a faccia ha confermato le diverse personalità dei concorrenti (Paolo Rosin, Giorgio Nicolin, Luca Lazzari, Giuseppe Boschetto, Piero Puschiavo), ognuno dei quali ha avuto modo di illustrare le sue idee e le sue proposte per il governo della città.
Le elezioni di domenica e lunedì interromperanno un periodo di vuoto amministrativo lungo 11 mesi durante il quale i leoniceni hanno percepito chiaramente quali difficoltà possa provocare in una comunità la mancanza di una leadership in grado di intervenire in modo concreto e deciso per risolvere i molti problemi che la città presenta e che vuole vengano risolti.
Nel corso della campagna elettorale, molto dinamica ma sempre corretta, i candidati hanno individuato le aree di intervento della loro azione amministrativa e le hanno comunicate ai cittadini, pubblicando i rispettivi programmi elettorali, distribuendo una quantità di opuscoli e “santini” e partecipando a una serie di incontr i nei quartieri del centro e nelle frazioni.
Tra i numerosi argomenti trattati indichiamo quelli che maggiormente caratterizzano ogni candidato.
Paolo Rosin, capo fila della lista “Civitas Leonicena”, ha messo in evidenza la necessità di una nuova spinta culturale da imprimere alla città, sostenendo che il rilancio di Lonigo non può prescindere da un salto di qualità che coinvolga tutta la cittadinanza.
Giorgio Nicolin, candidato della Lega Nord e della lista civica “Popolo di Lonigo”, punta ai giovani e in particolare agli studenti, prevedendo l’avvio di nuovi corsi di formazione post diploma che migli! orino l’offerta formativa delle scuole leonicene.
Luca Lazzari e il suo movimento “Dalla parte del cittadino” prendono le distanze dalle segreterie dei partiti e promettono una gestione della cosa pubblica libera da ogni tipo di vincolo che punti per prima cosa all’interesse della città.
Giuseppe Boschetto, in corsa con una lista civica che porta il suo nome, pensa alle fasce deboli della popolazione e promette interventi di tipo sociale a sostegno di chi non ce la fa ad affrontare da solo la crisi economica. Piero Puschiavo, portacolori della “Fiamma Tricolore. Destra Sociale”, segnala il suo partito come l’unica formazione di destra presente alle elezioni leonicene e indica nella formula del mutuo sociale il sistema per reperire nuove risorse finanziarie.
Dopo il sabato dedicato alla riflessione, gli elettori potranno recarsi alle urne domenica e lunedì per dare finalmente a Lonigo un nuovo sindaco e una nuova giunta.