Montalbano Jonico (MT) – Comunicato stampa

Comunicato Stampa

La seconda giornata lucana del segretario nazionale di Montalbano Jonico, partecipando al tema “Lucania: Cambiare si può”, organizzato dalla segreteria regionale, con le federazioni di Potenza e Matera e le sezioni di Avigliano e, appunto, quella montalbanese. Precedentemente, alle ore 17, Luca Romagnoli, unitamente al segretario provinciale Edgardo D’ Orsi, a quello regionale Vincenzo Francesco Mancusi e al presidente del Comitato Centrale del partito, Rocco Tauro, aveva incontrato dirigenti, iscritti e simpatizzanti della sezione di Montescaglioso, da poco aperta e che conta già numerosissimi aderenti, giovani meno giovani, con alcuni della vecchia guardia, che erano stati candidati negli anni precedente nel Movimento Sociale Italiano di Giorgio Almirante.

A portare il saluto ai dirigenti nazionali e regionali della Fiamma Tricolore sono stati i dirigenti sezionali montesi Vito Virzi e Nicola Zaccaro, i quali hanno illustrato l’importante lavoro politico che hanno svolto nella loro cittadina in soli tre mesi di attività, ricevendo i convinti plausi del segretario Luca Romagnoli e di tutto il vertice del partito. A fine riunione, sono state consegnate le tessere 2011 ai nuovi iscritti missini, consapevoli del valore dell’appartenenza ad un movimento politico, che pur non potendo contare sulla presenza massiccia nelle istituzioni di propri eletti, è certamente partito di grande ammirazione popolare, per il coraggio e l’impegno che profonde nel segnalare e denunciare le numerose deficienze amministrative che avvengono nelle comunità locali.

A Montalbano, invece, ad introdurre il tema della serata è stato il segretario cittadino della storica sezione missina montalbanese, da sempre tra le più attive nel panorama dei partiti di destra in Italia, Antonio Perciante. Successivamente il sindaco della città ionica, Enzo Devincenzis, ha portato il saluto della intera comunità al segretario nazionale Romagnoli, parlando anche delle difficoltà in cui operano le amministrazioni locali, e i problemi che, in particolare, il mondo agricolo attraversa, proponendo una grossa mobilitazione del settore a difesa dei propri legittimi interessi.

Il segretario provinciale D’Orsi ha elencato i termini numerici socio-economici catastrofici che la regione registra costantemente. Il Segretario regionale, Vincenzo Mancusi, ha analizzato l’attuale momento politico che attraversano le nostre comunità, puntando severamente il dito contro il governo regionale di centrosinistra, non mancando nemmeno di stigmatizzare il ruolo, molte volte, non adeguato anche della opposizione di centrodestra, a fronte della mala amministrazione De Filippo.

Il segretario sezionale di Senise, Giovanni Lonetti, ha brevemente illustrato lo stato drammatico in cui versa l’area sud della regione. A seguire, è intervenuto l’assessore comunale di Montalbano, Rocco Tauro, che è anche presidente del Comitato Centrale del Fiamma Tricolore, e che ha ringraziato il segretario nazionale Luca Romagnoli per la presenza nella propria città, e definito da Tauro amico fraterno, perché insieme sin dalla rinascita missina del 1995, allorquando la quasi totalità dei militanti a vario livello del MSI dette origine ad A.N.

Anche Tauro ha tracciato un bilancio nettamente negativo dell’operato dell’esecutivo regionale, illustrando alcune proposte, come ad esempio quello del bonus dei carburanti, che anziché essere devoluto ai soli patentati lucani, che oltre ad avere un valore modesto appare anche ingiusto, possa essere, per gli anni futuri, girato ai 131 comuni lucani, che sono letteralmente alla canna del gas, a causa delle difficoltà finanziarie cui sono costrette ad operare gli stessi amministratori..

Le conclusioni della due giorni missina sono state tratte proprio dal segretario nazionale, che con un frasario molto chiaro, convincente ed applaudito dal numeroso pubblico, che attentamente lo ha ascoltato, ha argomentato sulla situazione nazionale e della confusione che sta registrando il Paese, determinata da una azione politica messo in campo dal governo non all’altezza della situazione, pari anche a quella della opposizione altrettanto sbandata, che continua a creare ingiustizie sociali, e proponendo molte idee e suggerimenti per gli attuali amministratori governativi. Ha chiuso il suo partecipato intervento richiamando i valori veri della destra italiana, che sono quelli la coerenza, della socialità, della italianità, del coraggio del proprio agire nell’interesse della collettività, termini non retorici nè passatisti.

04/09/2011 Segreteria Regionale Fiamma Tricolore