NEPI – 190 VOLTE GRAZIE!

190 volte grazie! Mi sento di ringraziare fortemente gli elettori, gli amici, tutti coloro che sostengono, hanno sostenuto la mia persona, la mia battaglia, la mia proposta, in uno dei collegi più ostici dell’intera realtà provinciale viterbese, come quello di Nepi. Una zona, che ha visto essere eletto unicamente, il “neo acquisto”, in loco, dell’UDC, Franco Vita, uno dei “pezzi da novanta” candidati al consiglio provinciale insieme a Luciano Sestili, PDL ed altri. Personaggi che su un attivo di 4800 votanti effettivi solo per citare Nepi, sono riusciti a convogliare su loro quasi 3890 voti, lasciando al resto dei candidati, molti dei quali autorevoli “nomi” famosi sulla piazza nepesina, un migliaio di preferenze da spartire, guadagnare, acciuffare. Proprio per questo mi sento di vedere questo 2,22 % su Nepi, 2,11% di intero collegio, come un successo, di valorizzare al massimo le 100 preferenze a me donate , 90 negli altri paesi , portando il mio movimento ad essere il terzo partito nel collegio (della coalizione Meroi chiaramente), e considerarle un ottimo, grande risultato, proprio perchè nascono da fattori importanti. Innanzitutto la mia età relativa, 22 anni, il fatto di concorrere “da solo”, ne agganci, ne (forti) sostegni esterni, oltre i personali, di collegio e simili, di non avere “sponsor”, il forte astensionismo; concorrere con al fianco, di tre sindaci candidati a consigliere provinciale, che mi faceva  essere un Davide tra i Golia locali, soprattutto se sottraevano al già povero bacino di votanti effettivi, numerosissimi voti per loro ( solo su Nepi città, valgono i dati citati sopra). Queste premesse non mi hanno, in maniera testimoniabile, scoraggiato, anzi mi hanno portato a dare il massimo, a “metterci” l’anima, fino all’ultimo istante della campagna elettorale. Si somma, a tutto ciò, l’inequivocabile dato delle 90 preferenze ottenute negli altri paesi del collegio, nei quali il mio movimento, certamente, non eccelleva, tutt’altro. Segno, questo, di un lavoro pratico e concreto, effettuato, che ritengo soddisfacente, alla luce dei noti presupposti e di uno fondamentale, quello di non essere originario del luogo. Ciò che è scaturito da tutto questo, è un bacino importante, grande, per essere un vero primo test, inaspettato, che sosterrà, come una colonna, la mia attività, le mie proposte, battaglie già in corso pieno d’opera da qualche anno. Una forte e grande base da cui partire, una “rampa” di lancio. Questo non ha fatto altro che darmi conferme del buon operato, che ora, proseguirà costante e forte, verso i cittadini,la gente comune, i giovani.

Per questo, mi sento di ringraziare tutti coloro che hanno creduto in me, nelle mie proposte, nel mio modo di fare “politica”, che mi hanno sostenuto e mi sostengono, che hanno apprezzato la mia persona, anche solo chi ha avuto un gesto di incoraggiamento nei miei confronti , conscio di essermi messo totalmente in gioco, fiero di essere una persona onesta e pulita! Mi sento di ringraziare, inoltre, per la dedizione, l’impegno quanti, degli altri candidati del mio movimento, hanno ottenuto risultati importanti, soddisfacenti, negli altri collegi provinciali, condividendo con me, questa grande “avventura”.

Ad maiora!

 

Emanuele Ricucci 

Candidato alle elezioni provinciali di Viterbo 2010 nel collegio 12 per il

M. S. Fiamma Tricolore – Destra Sociale,

Componente della segreteria provinciale

Segretario della sezione di Nepi del M.S.F.T.)