ORBETELLO (GR) – Sanità orbetellana!


Sanità orbetellana!
Ci risiamo! in occasione dell’incontro che il Direttore Generale della ASL 9 avrà con gli amministratori locali si riscomincia con la solita litania ” giù le mani dall’ospedale di Orbetello” Leggo dichiarazioni di politici locali che ora “belano” contro un ridimensionamento già avviato che , alla luce anche delle ultime decisioni del governo ( per esempio riduzione dei posti letto ) appare difficile bloccare. E poi si continua a parlare quasi solo ed esclusivamente del reparto di pediatria. Ma come i problemi della sanità locale e dell’ospedale in particolare sono molto più variegati e complessi. Ma qualcuno si è accorto che nei locali dove una volta si trovavano reparti ospedalieri sono stati allocati servizi territoriali? e che si parla di metterne altri ancora? segno evidente che non c’è alcuna volontà di rafforzare l’ospedale. Qualcuno ha preso in considerazione il fatto che molti operatori delle Unità Operative ospedaliere sono costretti, per offrire prestazioni sufficienti , a turni massacranti? E la famosa “cittadella della salute” che doveva accorpare molte attività presenti sul territorio, che fine ha fatto? E quei servizi diciamo “territoriali” costretti ad operare con gravi carenze di personale ed allocati in strutture ormai obsolete , non degne di ospitare nè il personale nè gli utenti ( per esempio la palazzina ex INAM ) , sono mai stati presi in considerazione?. E sono servizi importanti che vedono centinaia di persone all’anno e sono le persone più disagiate e disastrate. Mi riferisco alla Psichiatria adulti e minori, al sert, al servizio sociale per esempio.
Sono ormai mesi che lo andiamo dicendo, ma , evidentemente, Vox clamans in deserto!