PADOVA – NELLE MANI DELLA CRIMINALITÀ

NELLE MANI DELLA CRIMINALITA’ Padova, 14 giugno 2010 “Ragazzino picchiato e rapinato da un nordafricano. Il padre medico si vendica e finisce al pronto soccorso: venti giorni la prognosi.Ha un taglierino in tasca, ma non lo usa. Uno dei complici dei nordafricani raccoglie un bastone per terra e lo colpisce al volto e al torace. Gli agenti delle Volanti, intervenuti sul posto chiamati dalla vittima, hanno denunciato il medico per porto abusivo di arma da taglio”. ( Il Gazzettino di Padova 13 Giugno 2010) Di fronte a notizie del genere non posso che provare rabbia per un nostro concittadino vittima due volte : prima perchè subisce impunemente un furto, secondo perchè dopo essere stato bastonato ferocemente da nordafricani viene perseguitato da chi doveva garantirgli la sicurezza. Esprimo massima solidarietà al medico che cercava non di farsi giustizia da solo, ma almeno di riprendere quella bicicletta sottratta con violenza selvaggia al figlio, che non passeggiava da solo in una strada buia, ma alla luce del sole per il centro della nostra civile città. Purtroppo quello che di civile è rimasto in mezzo a un territorio conquistato da orde di selvaggi pronti a tutto, è la compostezza di molti cittadini che continuano a sopportare angherie e ingiustizie in silenzio avendo perso la speranza di essere tutelati dalla giustizia. Infatti non ci sarà giustizia e sicurezza finchè anche solo uno di questi immigrati sarà lasciato libero di girare per le strade da sbandato e di essere minaccia per l’incolumità di cittadini onesti. Allora mi chiedo : “ Sindaco Sceriffo , dove sei ?”

Donato Ignelzi, Fiamma Tricolore Padova