Pensieri e comunicati a Pino Rauti

MOVIMENTO SOCIALE – FIAMMA TRICOLORE Federazione Regionale CALABRIA
Via Orti, 81  – 88100 Catanzaro www.msfiammacz.it – segretario@msfiammacz.it
Catanzaro, 02 novembre 2012

C O M U N I C A T O    S T A M P A

A nome mio personale e dell’intera Segreteria Regionale del Movimento Sociale-Fiamma Tricolore della Calabria esprimo il cordoglio più profondo per la scomparsa  di Pino Rauti, fondatore e primo Segretario Nazionale del Movimento Sociale-Fiamma Tricolore, Uomo di grande ed inimitabile conoscenza e vivacità culturale nonché grande Ideologo della moderna Area dell’Alternativa Nazional-Popolare.

Pino Rauti ha rappresentato per tutti noi, cui aveva insegnato che questo Movimento non è né di destra né di sinistra ma è OLTRE, una guida morale e spirituale che ci ha fatto appassionare a quella Politica (con la P maiuscola), che oggi non c’è più e che noi vorremmo riportare in auge, ed a lui dobbiamo tutti noi l’orgoglio di non aver deposto le insegne, la spinta propulsiva per nutrire idee e progetti nuovi attraverso la lente delle nostre idee. A Pino Rauti dobbiamo la voglia di continuare, a fronte alta, a viso aperto, in faccia al mondo, a perseverare e rinnovare ogni giorno il nostro sogno, e soprattutto a Pino dobbiamo il nostro continuare fieri e certi che Semper Urit !

…Quante emozioni se ne vanno con il Nostro Segretario, ricordi indelebili di una politica che era sentimento, passione, azione. Noi, la sinistra della destra illusi della circolareita’ della politica, che ora assistiamo, inorriditi, all’affacciarsi dei grillini, e che ci ritroviamo orfani di un Uomo dal carisma che scuoteva le coscienze, soprattutto della sua capacità di vedere prima le cose che sarebbero accadute dopo.  Che gli dei ti accolgano nel loro Walhalla!!!!

Nel pregarVi di dare una adeguata e cortese divulgazione alla presente, porgiamo i nostri più distinti saluti agli amici operatori dell’informazione.

Umberto  MAGGI
Segretario Regionale del Movimento Sociale-Fiamma Tricolore
tel.0961/770926   fax 550294   e-mail natalegiaimo1@virgilio.it   cell.336/925138

————————–
PER UNA PERSONA TENACE , PER UN COMBATTENTE FIERO

PER UN  DIFENSORE D’IDEE, DI FATTI  DI PERSONE DI UNA PATRIA CHE TANTI PRESUNTI “ONESTI” IERI COME OGGI CERCANO DI DILANIARE

PER  UNA BANDIERA ITALIANA ALTA SULLA SOFFERENZA DI UN POPOLO , FIERO  DI CONCRETO AGIRE PER LA SUA VERA SOVRANITA’ E LIBERTA’
POCHE PAROLE FORSE LO SO , MA IN ESSE SPERO POSSA COMPRENDERSI  A CHIARE VIVE LETTERE L’OMAGGIO DI UN GIOVANE CAMERATA AL SEGRETARIO RAUTI
NELLA STORIA  DEL MOVIMENTO SOCIALE ITALIANO , NELLE PAROLE
DELL’ INDIMENTICATO MAESTRO ALMIRANTE.
QUESTA E’ LA L’ITALIA VIVA
SI ALZI DUNQUE ,SOMMESSA E POTENTE  LA PREGHIERA  SINCERA DELL’ETERNO RIPOSO E ACCOMUNI  NELLA LUCE DI GIUSTIZIA , IL CAMERATA RAUTI ,I MILITI E PILOTI DELLA R.S.I, GLI ITALIANI MORTI NELLA GUERRA E NELLE FOIBE
LA PREGHIERA SINCERO A DIO  ,PER LA PATRIA  , PER L’ONORE    PER LA FAMIGLIA  PER IL LAVORO
PENSIERI SEMPRE VIVI NELL’ AGIRE DEL DUCE MUSSOLINI
A NOI
DIO
PATRIA
FAMIGLIA
F.TO PAOLO DI PIETRO
—————————-

Ci ha lasciato uno degli uomini piu’ grandi che la Destra italiana abbia avuto.

Voglio ricordarlo non solo grande dirigente della Destra italiana ma anche un caro
amico con il quale ho sempre mantenuto rapporti affettuosi.
Un abbraccio fraterno va alle figlie Alessandra e Isabella.
Voglio ricordare Pino Rauti, col quale pure ci sono stati momenti di grande intesa seguiti
a momenti di scontro politico con una frase che lui usava per definire se stesso:
” NON MI SENTO UN NEOFASCISTA, IL FASCISMO NON E’ PIU’ RIPETIBILE. E’ SOLO UN GIACIMENTO DELLA MEMORIA AL QUALE PENSO CHE SI POSSA ANCORA ATTINGERE”.
Anche io penso che a quel giacimento si possa ancora attingere perche’ in un momento
cosi’ grave per il nostro Paese sono propri i valori della Destra che possono innescare una
svolta decisiva.
Vincenzo Mancusi – Segretario Amministrativo Nazionale
——————————————————–

…oggi sarò da te, mio Segretario,quante volte ho aspettato che Tu venissi nella mia città,quante volte,hai saputo entusiasmarmi con le Tue parole,con i Tuoi concetti sociali,con il Tuo rigore politico che senza fari sconti Ti accompagnò per tutta la vita…ora sono io a raggiungerTi,non sentirò la Tua voce,ma ricorderò sempre le Tue parole,le stesse che sempre hanno accompagnato la mia gioventù,alimentando l’ardore in tanti giovani….Per le Tue /nostre idee,le Idee che mossero il mondo,sei stato perseguitato,hai dovuto subire umilianti accuse,abbandonare la Tua famiglia,soffrendo per le offese che ancora piccole erano dirette,da parte di ignobili individui anche alle Tue bimbe,sei stato un Combattente volontario,un Eroe un Rivoluzionario,ma la Tua rivoluzione non era violenta ma era spirituale,sociale,era la rivoluzione degli animi a difesa della morale e dell’etica…..il Tuo insegnamento sarà faro e guida per noi e per le generazioni future,sei stato calunniato,offeso,ma mai deriso e adesso che il Tuo corpo giace immobile dinanzi ai miei occhi,mi accorgo che Tu vivi vivi come non mai e oggi ci hai dato ancora una volta una lezione d’amore per l’Idea…..servo con lealtà e fede i tuoi insegnamenti,spero che parte della tua forza si infonda in me e nei tanti camerati….ciao Pino ciao Segretario!
Maria Penna
Commissario cittadino Movimento Sociale Fiamma Tricolore

—————————–

Franco Tittoni, segretario provinciale della Fiamma Tricolore, si unisce al coro di cordoglio che si alza «dai cuori del popolo della Destra Sociale reatina e nazionale» per la morte dell’on. Pino Rauti.

La federazione reatina sarà rappresentata dal coordinatore regionale del Lazio Lamberto Iacobelli, anima storica della Fiamma Tricolore che dopo Fiuggi seguì immediatamente Rauti candidandosi con la Fiamma Tricolore a Presidente della provincia di Rieti. Iacobelli parteciperà alla delegazione ufficiale della Fiamma guidata dall’on. Luca Romagnoli che alle ore 12 renderà l’estremo saluto a Rauti nella camera ardente allestita in via della Scrofa.

«Ciao Pino – ha dichiarato Iacobelli – le tue idee continueranno a muovere il mondo e dalla vetta più alta germoglieranno ancora come fiori che non hanno paura di guardare al sole». Franco Tittoni, assente dalla delegazione per motivi di lavoro, «rende onore all’on. Rauti e lo piange con la federazione di Rieti tutta».

————————-

ROMA – Si è spento Pino Rauti

Lo scorso 2 novembre, è venuto a mancare all’età di 86 anni Pino Rauti. Combattente della Repubblica Sociale Italiana, tra i fondatori del Movimento Sociale Italiano nel 1946, poi del Centro Studi Ordine Nuovo nel 1954, Segretario Nazionale del MSI-DN dal 1990 al 1991, Rauti diede vita al Movimento Sociale Fiamma Tricolore dopo il congresso dell’abjura di Fiuggi nel 1995 e, nel 2004, al Movimento Idea Sociale. Deputato alla Camera, rappresentò l’Italia al Consiglio d’Europa, fu Parlamentare Europeo fino al 1999; come giornalista, collaborò a “Il Tempo”, fu Direttore del periodico e poi quotidiano “Linea”, autore di diversi saggi tra cui “Le idee che mossero il mondo”. Al di là di errori e incomprensioni nella sua lunga attività politica, Rauti va ricordato anche per le sue sempre lucide analisi e proposte in campo economico e sociale, fra le quali si sottolineano, a titolo di puro esempio, i Lavori Socialmente Utili (LSU) e i Lavori di Pubblica Utilità (LPU); scompare con lui un personaggio sicuramente di fondamentale importanza nell’area Nazional-Popolare oltreché di rilevante spessore culturale. Le esequie funebri si svolgeranno lunedì 5 novembre alle ore 12,30 nella Basilica di San Marco in Roma (Piazza Venezia).
Roberto Bevilacqua

————————-

Questa mattina la Federazione CIOCIARA del Movimento Sociale Fiamma Tricolore – Destra Sociale unitamente all’ Ass. Militante FIAMMA FROSINONE si recherà in via delle Scrofa per salutare il nostro vecchio Segretario, l’uomo che ci seppe spronare e indicare molto bene la VIA durante le drammatiche e decisive ore di Fiuggi. Non ci sono parole per ringraziarti di quanto hai fatto in quei momenti per la nostra Comunità.
Riteniamo che , per la tua Storia, renderti l’ultimo saluto in quella SEDE….. non è stata una scelta Saggia. ONORE A TE PINO.

———————————

È con rammarico che veniamo a conoscenza della morte del nostro fondatore Pino Rauti, uomo sicuramente dalle posizioni opinabili per alcuni, ma grande ideologo, di indubbia fede politica. Con lui scompaiono tutti gli uomini che hanno reso grande la destra di questo Paese. I padri fondatori di quel MSI che noi oggi cerchiamo di ricalcare con idee e progetti. Rifiutò Alleanza Nazionale fondando insieme ad altri, il Movimento Sociale Fiamma Tricolore, dove rimase Segretario fino al 2002 e presidente fino al 2004. Di lui ricorderemo lo spirito battagliero, mente eccelsa che riuscì ad analizzare i tempi dei questa bistrattata politica, talvolta colpendo in pieno i poteri forti di questo mondo di cui lui era uno dei padri senza famiglia. Oggi la Fiamma Tricolore di Cuneo, si veste a lutto per ricordare un grande uomo prima che un grande politico. Oggi non ci sono battaglie perse o vinte, non ci sono posizioni di destra o di sinistra, oggi ricordiamo Pino Rauti, creatore di uno stile di fare attivismo, diverso dai soliti schemi. Oggi ci alziamo in piedi e applaudiamo questo grande personaggio, che come i suoi predecessori, è andato via in punta di piedi.

Movimento Sociale Fiamma Tricolore  Segreteria Provinciale di Cuneo

—————————————–

Grande commozione suscita in me la scomparsa dell’ on.le Pino Rauti.
Per vent’anni mi sono sentito a lui vicino, e per un periodo addirittura  direttamente al suo fianco.
Mi ha onorato della sua fiducia e stima; considerandolo, senza  inutile retorica, un padre politico.
Ha insegnato a tutti noi la politica della vicinanza e conoscenza  dei complessi  problemi della società odierna.
Ha portato nel Movimento Sociale Italiano un alto tasso di  cultura, facendo meglio conoscere autori del pensiero nazionale ed europeo.
Intere generazioni hanno letto i suoi libri e continueranno a leggerli, che trattano di politica e di storia.
E’ stato l’inventore della destra sociale e popolare.
Moltissimi militanti e dirigenti arrivati a gestire la cosa pubblica anche ad altissimo livello, lo hanno fatto anche grazie alla sua scuola.
Parlamentare nazionale ed europeo, per decenni, da tutti apprezzato e rispettato, da amici ed avversari politici.
Invitava continuamente tutti noi a studiare, a ripiegarsi sulle risoluzioni da dare alle varie emergenze, da studioso e fine giornalista quale è sempre stato.
Segretario per un breve periodo del vecchio MSI, 1990-1991, non ha permesso poi di annullare gli eterni valori da esso incarnati, facendo rinascere il Movimento Sociale – Fiamma Tricolore, nel  freddo gennaio 1995, in quel di Fiuggi, dove noi, irriducibili, decidemmo di continuare per la nostra strada e  per la nostra storia.
Ma l’intera esperienza politica l’ha pure  molto amareggiato, con accuse  ingiuste ed infamanti, dalle quali ne è uscito immacolato.
Prendendo tutto con la serenità, che solamente i grandi intellettuali sanno prendere, comportandosi con stile e classe.
L’intero nostro mondo da oggi è più povero.
Restano i suoi scritti e le sue opere, sui grandi come i piccoli interventi del Ventennio, che da oggi diventano patrimonio incancellabili del nostro mondo; ascende in Cielo per affiancarsi a tutti i nostri maestri, Giorgio Almirante, Augusto De Marsanich, Arturo Michelini, Pino Romualdi, per spronarci ad andare avanti, senza dubbi né incertezze. Sicuri della bontà di quanto da loro seminato su questa terra.

Leonardo Rocco Tauro – Presidente Comitato Centrale

———————-

CIAO PINO..
Grazie per avermi insegnato i veri valori della vita senza mai cadere nel compromesso. Grazie per non aver mai tradito un’idea e condiviso battaglie politiche sempre piene di entusiamo. Grazie per avermi ascoltato e sopratutto avere ascoltato te, anche per ore senza mai un attimo di “smarrimento” o confusione di ideali. Grazie per tutto e un ciao da
Alfio Di Marco

————————–

Da qualunque parti si guardi Pino Rauti, di lui non si potrà mai dire che era un arrivista o un demenziale politico come tanti. Era un fautore dell’idea prima di tutto, dell’ideale, dell’amore verso questo Paese, che per molto tempo l’ha dimenticato. Non noi, non si può dimenticare chi ha fondato il partito per il quale vivi, non si può dimenticare un uomo che ti ha fatto amare un simbolo, che ricorda tanto QUEL simbolo. Non si può dimenticare chi ha fatto della cultura la sua arma più potente e rivoluzionaria. Per noi giovani una guida, un ideale traghettatore dal MSI alla Fiamma Tricolore, lui che per primo aveva capito i limiti di Alleanza Nazionale e del suo Segretario, è stato il più grande oppositore di quell’idea. Oggi possiamo soltanto ringraziarlo per ciò che ci ha regalato, un’esperienza senza eguali, uno stile di fare attivismo, che, ci scusino gli altri, non ha pari nel panorama odierno dei movimenti nazionalisti. Finisce oggi un’epopea lunga ottanta anni, una storia di uomini veri prestati alla politica, da oggi le guide spirituali di questa bistrattata area, volgono al termine, a noi, non resta che alzarci in piedi e applaudire un grande uomo, che con la sua immensa cultura e lealtà ci ha regalato un sogno.

Denis Scotti Responsabile Nazionale Gioventù della Fiamma

————————–

Fiamma Tricolore Sicilia è unita nel cordoglio per la dipartita del già Segretario Nazionale On. Pino Rauti.

Lo ricordiamo come punto di riferimento dell’MSI-DN rappresentando la grande area dei Rautiani.
Lo seguivamo nei Suoi approfondimentii storico-culturali  riuscendo esattamente ad interpretare il corso della storia , degli eventi e della politica.
Fu lui in un intervento all’Hotel Excelsior di Catania nel 1987 a informarci che ormai il comunismo era in grave crisi e che presto avremmo visto il crollo del muro di Berlino come avvenuto qualche anno dopo.
Durante il congresso di Fiuggi del gennaio 95, ebbe ad alzare la sua voce a difesa del patrimonio morale e di ideale, rivendicato dall’MSI-DN, opponendosi alle determinazioni del passaggio ad Alleanza Nazionale,trasferndosi con un largo seguitoi a Roma Hotel Ergife ove fondava il Movimento Sociale Fiamma Tricolore, prosecutore dell’MSI-DN.
Lo abbiamo seguito nei diversi anni in cui è stato Segretario Nazionale di Fiamma Tricolore, consentendoci in Sicilia di conseguire i migliori risultati, sino ad eleggere nel 96 il senatore Luigi Caruso, quindi confermato per altro quinquennio, nonché Consiglieri Provinciali di Catania.
Io stessi venni eletto nel 1995 Consigliere Comunale di Mascalucia nella lista Fiamma Tricolore.
La dipartita di Pino Rauti lascia un vuoto incolmabile nell’area missina, rimanendo uno dei grandi fondatori dell’MSI, acuto politico 5 volte eletto al Parlamento Nazionale e due al Parlamento Europeo.
Francesco Condorelli Caff – Segretario Regionale Fiamma Tricolore
——————–
Ciao Pino 
Le tue Idee continueranno a muovere il mondo e dalla vetta più alta
germoglieranno ancora come fiori che non hanno paura di guardare al Sole 
Lamberto Iacobelli
--------------------

Con grande tristezza, la Federazione ravennate del
Movimento Sociale-Fiamma Tricolore partecipa al dolore della famiglia
Rauti per la scomparsa del loro e nostro caro Pino.
Fondatore giovanissimo nel 1946 del M.S.I. , Rauti ha sempre incarnato
la figura del politico controcorrente e coerente, oggi ancor più 
rimarchevole di fronte al degrado morale della politica e del paese,
infestato dal malcostume e dall'opportunismo.

Ha pagato la sua appartenenza ideologica finendo nel tritacarne della giustizia ideologica, uscendone infine indenne.

Lo ricordiamo come fondatore principale del Movimento Sociale-Fiamma Tricolore, quando nel nefasto Congresso di Fiuggi del 1995 non accettò la chiusura del M.S.I.-DN a favore della deriva politica di Alleanza Nazionale, fondando con un manipolo di seguaci il nostro partito.

Dichiarò: < Gian Franco Fini a Fiuggi non ha deviato di una virgola dalle sue idee di sempre. Fini ha semplicemente ammesso pubblicamente

quello che noi abbiamo sempre sostenuto, e cioè che il “fascismo di destra” non è fascismo, e non lo è mai stato.>

Bruno Casadio, Portavoce provinciale
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE, Ravenna.

———————

Sapendo quanto fosse grande l’affetto che vi univa, Prego che Dio vi dia la forza per superare questo triste Momento.
A. Pagliari

—————–

Esprimo il mio più commosso cordoglio per la morte del Camerata Rauti, che mi fu punto di riferimento spirituale e politico assoluto, per il recupero recupero dei valori nazional comunitari, fra la fine degl’anni ’80 e gl’anni ’90. Ricordo con infinita commozione ed orgoglio l’incontro che ebbi con Lui, in via della Scrofa, nella primavera del 1990.
Saluti Romani, Prof. Renato Pallavidini Torino
——————-

Reggio, la Fiamma Tricolore in lutto per la scomparsa dell’On. Pino Rauti

La Fiamma Tricolore di Reggio Calabria è da stamane in lutto: si è spento infatti oggi a Roma all’età di 85 anni lo storico segretario del movimento Pino Rauti.
Nato nel 1926, aderisce a soli 16 anni alla Repubblica Sociale Italiana. Nel 1946 è tra i fondatori del Movimento Sociale Italiano che abbandona allorquando Michelini, legato all’ala di destra e conservatrice del partito, ne diventa segretario fondando così Ordine Nuovo.
Dopo la morte di Michelini, e con l’elezione di Almirante a segretario del MSI, rientra nel partito e siederà in Parlamento ininterrottamente dal 1972 al 1994.
Alla morte di Almirante sarà lui a guidare il Movimento Sociale Italiano e nel 1990 batterà Gianfranco Fini divenendo segretario nazionale del movimento per la seconda volta.
Nel 1995 rifiuta l’abiura di Fiuggi e fonda il Movimento Sociale Fiamma Tricolore: viene eletto al Parlamento Europeo e guida il partito fino al 2002 quando proporrà come suo successore il suo delfino Luca Romagnoli.
“Nonostante dal 2004 non facesse più parte della Fiamma Tricolore – dicono dalla Fiamma Tricolore – tutti noi lo ricordiamo come lo storico segretario di quel movimento che rifiutò l’abiura di Fiuggi e la distruzione di quella destra sociale, nazionale, rivoluzionaria rappresentata dal Movimento Sociale Italiano e liquidata in quell’obbrobrio politico propedeutico alla distruzione della destra italiana quale fu Alleanza Nazionale.
Uomo politico di immensa cultura, formatosi alla corte di Julius Evola, precursore dei tempi in politica e da sempre sostenitore della teoria dello “sfondamento a sinistra”, con la scomparsa di Pino Rauti viene a mancare l’ultimo grande rappresentante della destra italiana e l’ultimo storico e degno segretario del Movimento Sociale Italiano”.
Una delegazione del movimento partirà domenica sera da Reggio Calabria alla volta di Roma per partecipare ai funerali che si terranno lunedì mattina alle ore 12.30 presso la basilica di San Marco Evangelista in Piazza San Marco.

————–

Onore al camerata Pino Rauti; Dio accolga la sua anima.

Carlo Agostini -Chianciano Terme (Si)

—————-

Pino Rauti io lo voglio ricordare per tutto quello che ha insegnato e per le ore che ho trascorso ad ascoltarlo in occasioni ufficiali o meno. Voglio conservare l’immagine di lui mentre noi gli riportavamo tutte le nostre difficoltà a fare azione politica, tutti i problemi che ci creavano i nostri avversari e pure i nostri presunti “amici” ed ex camerati. Lui ci disse, per esortarci a non mollare, che se si voleva cercare una spiegazione logica del perché il calabrone riesce a volare, questa non esiste ma il calabrone vola! Per noi era la stessa cosa: una battaglia perenne e contro tutti senza nessuna ricompensa e forse senza speranza e logica. Però lui la battaglia l’ha fatta per molto tempo e io conosco tanti altri che ancora continuano, inspiegabilmente ……………….
Grazie Segretario.
———————–
Pino Rauti, fondatore del movimento vive.
Presente in tutti coloro che hanno creduto e combattuto per L’IDEA.
Ne ho un ricordo personale straordinario, uomo di spessore e cultura dotato di fine ironia, amava raccontarsi e parlare dei suoi hobby.
Un leader carismatico, amato, odiato, ma rispettato da tutti.
Camerata Rauti, presente.
Ciao Pino, lassù racconta di Noi, guidaci,
parla coi Grandi e porgi per me un saluto romano. Nobis.
Salvatore Di Marco
—————————-

Movimento Sociale Fiamma Tricolore
Federazione di AnconaCiao figlio del sole !La Federazione Provinciale del Movimento Sociale Fiamma Tricolore apprende con profondo dolore l’improvvisa scomparsa dello storico fondatore e segretario on. Pino Rauti. Tutti i militanti e i dirigenti della Provincia di Ancona rivolgono a tutta la famiglia le più sentite condoglianze.——————————–SENIGALLIA – Comunicato di condoglianze e ricordo del fondatore ed ex-segretario nazionale on. Pino Rauti. Saluti.Con Pino Rauti scompare la guida spirituale di tre generazioni di giovani missini, uno dei personaggi più rappresentativi della cultura e della storia politica della destra post-bellica italiana. L’antifascismo viscerale, che guasta e affligge la cultura italiana, ha sminuito una fra le più acute intelligenze politiche dal dopoguerra ad oggi, alla figura del militante criminalizzato e irrealizzato. Fin dalla giovinezza movimentista e portata all’azione, Pino Rauti è stato protagonista di intrepidezza pensante e di cadute, causate dal desiderio di occupare lo spazio delle avanguardie del novecento. Appena sedicenne adererisce come volontario alla Repubblica Sociale Italiana, due anni più tardi, nel dicembre del ’44, è tra i presenti al Teatro Lirico di Milano per ascoltare l’ultimo discorso di Benito Mussolini condividendo le ragioni della rivolta globale contro il capitalismo.D’altra parte Rauti ha aggiornato le pagine della Rivolta contro il mondo moderno, nelle quali Julius Evola descriveva il mondo della Tradizione, la genesi e il volto della plutocrazia neo babilonese moderna. Alla rischiosa esplorazione nel campo delle sintesi, infatti sembra sottindendere il nome gramsciano Ordine Nuovo, attribuito alla sua rivista, che fu motore e cassa di risonanza dello stesso sentimento antimoderno, sostenendo un atteggiamento di sdegno e totale rifiuto della società borghese contemporanea, corrotta e materialista, ritirandosi nella torre d’avorio degli studi e della meditazione in attesa della fine del Kaly Yuga, termine indiano che indica quel periodo di massima crisi dei valori tradizionali, in cui il mondo si troverebbe a vivere nell’età attuale. Il Centro Studi, infatti rappresenta il riassunto difficoltoso delle diverse aspirazioni suscitate dalla corrente missina dei figli del sole, progetto che destò una vasta eco negli ambienti giovanili, a cui Rauti aderì immediatamente, insoddisfatto e deluso dalla routine parlamentare del Msi di Michelini.Tuttavia, il tradizional-modernismo di Rauti, si è caratterizzato da una considerevole erudizione, animata da un’oratoria e scrittura tanto facile quanto fascinosa e rapinosa. La dignità del disegno rautiano è dimostrato dall’accanimento persecutorio nel corso degli anni, indirizzato contro di lui dai poteri dello stato e dagli organi della disinformazione plebeo-progressista. La breve segreteria di Rauti rappresenta quel fragile ponte che portarono alla nascita del Movimento Sociale Fiamma Tricolore, quale ultimo tentativo ormai a tempo scaduto, di realizzare quel disegno perseguito da sempre, tra gli ultimi sogni di un passato fascista e il declinante e decadente futuro del socialismo, ormai indirizzato alla feroce metamorfosi francofortese.Ti ricorderemo sempre, instancabile, pronto a lanciare nuove sfide, riportando un tuo pensiero:”essere di destra oggi significa Stato, Nazione, Tradizione, valori spirituali. Noi non ci definiamo conservatori, ma nazionalpopolari, sociali o nazionalrivoluzionari proprio per dire che siamo la destra dei valori e non quella conservatrice”.Ciao figlio del sole, addio segretario. Sit tibi terra levis.
Riccardo De Amicis – Segretario provinciale MSFT
——————————

PINO RAUTI
Cardinale 16 novembre 1926 – Roma 2 novembre 2012
FIAMMA TRICOLORE FEDERAZIONE PROV. BOLOGNA

La Federazione di Bologna saluta romanamente il camerata PINO RAUTI

P. Rauti partecipò e fu segretario del M.S.I. e fondatore di Ordine Nuovo poi  fondatore della Fiamma Tricolore che ha avuto i natali in quel 29 gennaio 1995 nella grande assemblea di Roma presso l’Hotel Ergife, Pino Rauti ebbe il coraggio, insieme al compianto cam. Giorgio Pisanò (da lì a poco fondatore del suo Movimento Fascismo e Libertà), dopo aver lasciato – nel giorno delle abiure – l’assemblea di Fiuggi, di proseguire l’operato iniziato da Giorgio Almirante  in quel lontano 25 aprile del 1945 quando a Milano nel cortile della Prefettura chiese al ministro della R.S.I. Fernando Mezzasoma di poter continuare e Mezzasoma rivoltosi all’allora segretario del Partito Pavolini disse “Almirante vuole continuare diamogli aiuto”. Noi ringraziamo l’on. Pino Rauti per averci dato il modo di proseguire “…………il ns. compito  è continuare per l’Italia il ns. compito è interpretare ogni giorno in maniera viva nuova moderna coerente testimoniale al tempo stesso quella che è stata l’esperienza fascista la esperienza del modello movimento fascista …….” (le frasi sottolineate sono parti del discorso dell’on. Giorgio Almirante a Mirabello il 6 settembre 1987).

Camerati, militanti, simpatizzanti della FIAMMA TRICOLORE … ATTENTI!!…….. CAMERATA PINO RAUTI!………. PRESENTE !!!!!

————————————