Riceviamo e pubblichiamo.

Gentilissimo Luca,
innanzi tutto, Buon 2013 a te, famiglia e amici tutti.
Lo scopo di queste due righe ricalca quanto ti scrissi in occasione del ns/primo incontro telematico.
Con la discesa (o salita) ma sarebbe meglio dire scivolata in campo del premier Mister TASSA-TU-CHE-TASSO-IO, si aprono diversi scenari, secondo me dagli esiti incerti e imprevedibili.
Il PDL sicuramente scenderà, magari per assestarsi su un 15%, il Centro-Monti/Fini/Casini/Montezemolo, avendo avuto il beneplacito dal Vaticano, potrebbe arrivare anche lui al 15%, il PD, dovendo contare sulla sinistra estrema di Vendola, perderà tutti quelli che pensavano fosse più centrista e si assesterà anch’esso sul solito 15%, a cui potrebbero arrivare Di Pietro, la neo-formazione di La Russa, La Destra di Storace ed altri arcipelaghi vari tutti insieme appassionatamente. Se poi ci mettiamo il rimanente 40% di astensionismo, siamo a 100.
Allora sì, che sarebbe davvero un dramma!
Ma la Fiamma, in quel 40% (paventato) di astensionismo, e in quel 15% di accozzaglia pluralista, non pensi potrebbe ricavare una percentuale lì per lì piccola ma grandissima per spostare certi equilibri? Ecco perché Mister CAPELLI-INCOLLATI dice di non votare i piccoli partiti (Leggi: HA PAURA!!!).
Cosa ne pensi? Sono le dichiarazioni sconsiderate di un diversamente giovane come sono io, oppure ci sono elementi di realtà politica?
Aspetto con ansia tua risposta, sperando la Fiamma tricolore sia presente sulla scheda dalle parti della provincia di Savona, affinché io possa tracciare la mia X.

Grazie per la cortese risposta, se lo riterrai opportuno.

Con speranza e stima ti saluto

R. Z
(SV)