Ridi pagliaccio!

Finisce la legislatura che ha visto emblematici esempi di “scilipotizzazione” degli eletti. Per carità, non sono mai mancati i voltagabbana in politica in generale, tra i “nostri politici” in particolare. Abbiamo gia visto di tutto; figuriamoci! Che sarà mai se si formano “nuove” maggioranze non elettive. Che sarà mai se una maggioranza tiene o non tiene per uno o due parlamentari, per uno o due “ripensamenti”, per una o due “scelte responsabili”! È l’Italia che non tiene più è; è l’Italia divenuta incontinente a causa di personaggi che, pur di ottenere una rielezione -meschini, inconcludenti figure da avanspettacolo della politica-, mettono in piedi partiti e simboli senza storia e soprattutto senza futuro. Lo fanno nuovi figuri, saliti alla ribalta nazionale in virtù di un distorto uso dell’informazione, che fa del sensazionalismo da baraccone (Ricordate la corsa televesiva al voto di alcuni “responsabili”) un esempio nazionale di come vengono “vissute e mostrate” le vicende politiche nazionali. Lo fanno anche – e questo dispiace assai di più -, parlamentari che hanno “altra storia”, altra esperienza, e che hanno soprattutto dal Nostro Mondo, sì proprio dalla destra, anzi meglio, proprio dal MSI, dai suoi militanti e dai suoi elettori ottenuto crediti, considerazione, sostegno elettorale e non solo. Tutto scordato. Tutto tradito. Altro che “guardare in faccia i traditori”.

Egregio Presidente Berlusconi, in questa Italia dei voltagabbana, qualche volta si prende e qualche volta si dà. Oggi, come è avvenuto ieri, e se non è oggi sarà domani, egregio Presidente, non sarà solo Lei a “guardare in faccia i traditori”: speriamo lo siano gli italiani. E soprattutto speriamo che la loro memoria non sia così corta come il tempo che ci separa dalle elezioni politiche. Per Noi e per chi sa apprezzare l’onestà inscindibile dalla coerenza, da sempre e per sempre, arde la Fiamma.

Luca Romagnoli