ROMA – “La burocrazia uccide la democrazia”

“La burocrazia uccide la democrazia”, peccato che uccide chi arriva in ritardo e chi in ritardo non è, ma al difetto del ritardo sostituisce il difetto di autentica che una legge che nessuno compiutamente rispetta impone. Adesso se la ride l’alleato della Polverini, “leale”, che quella legge coniò prima del fragoroso chiudersi della sua legislatura. Coniò ad arte, per ostacolare la partecipazione di chi non voleva contribuire alla sua rielezione. Dunque, o nel Lazio si rinviano le elezioni e si riaprono i termini per la presentazione delle liste per tutti, o chi è fuori, come purtroppo la Fiamma, è fuori; le regole edi difetti di forma sono sostanza di legge uguale per tutti. Speriamo che chi di dovere ne tenga conto. (Luca Romagnoli – Segretario Nazionale MS-Fiamma Tricolore-Destra Sociale)