ROVIGO – LA FIAMMA SI ALLEA CON CONTIERO

La Fiamma tricolore abbandona Enrico Bellinello dopo il suo apparentamento con il centrosinistra e appoggia fermamente Antonello Contiero nella sua corsa verso la presidenza della Provincia. Dario Fignagnani stringe la mano a Pdl e Lega in vista del ballottaggio e il centro destra si compatta sempre di più sostenuto «dagli amici dell’Udc, da La destra ed ora anche dalla Fiamma» come ricorda il Mauro Mainardi. «La nostra squadra – esordisce il coordinatore pidiellino – è sempre più amata e ci dà sempre più speranze di vittoria. Grazie a noi anche il Polesine diventerà una provincia leader. Sono stanco di vedere la nostra terra triste, ferma e rassegnata dalla politica del “No” che ormai da vent’anni governa a palazzo Celio. Un teatrino della politica che ci tiene bloccati in un’arretratezza che non rende giustizia alle nostre enormi potenzialità». Fondamentale per Mainardi sarà l’affluenza alle urne. Arriva dunque l’invito al voto rivolto principalmente ai giovani: «Noi porteremo aria nuova. Puntiamo sullo sviluppo cosicché i nostri giovani possano fermarsi a lavorare nella loro provincia e non dover più emigrare nelle altre per trovare un’occupazione degna dei titoli di studio ottenuti. Per questo invitiamo i ragazzi polesani a perdere 5 minuti del loro tempo domenica per darci l’opportunità di migliorare il loro futuro». Dello stesso avviso anche Alfio Mercuriati della Lega che sottolinea come non ci sia neanche più bisogno di far luce sugli errori della sinistra dato che «le loro mancanze dal punto di vista amministrativo sono sotto gli occhi di tutti». Sostegno completo arriva anche da parte della Fiamma Tricolore nelle vesti del coordinatore Dario Fignagnani, dell’assessore tagliolese Luciano Tamburin e del giovane Alessio Paganin che abbandonano Progetto Polesine per sposare il programma di Lega e Pdl. «Ci sono molti punti di contatto – spiega Fignagnani – tra il programma di Contiero e il nostro e quindi gli daremo tutto il nostro sostegno. Inoltre aborriamo il modo di fare politica della sinistra. Siamo anticomunisti da sempre e per questo il nostro appoggio a Pdl e Lega sarà forte e incondizionato».

(Marina Lucchin)