SAN PIETRO MUSSOLINO (VI) – Tristezza e torpore

Fa riflettere l’attuale situazione in cui sta versando il Comune di San Pietro Mussolino, frutto ovviamente di ciò che sta accadendo in tutto il mondo circostante. Com’è chiaro oramai da diverso tempo, obiettivo dei criminali antifascisti che ci governano, è quello di abbattere ogni forma di dibattito, di “ideologia”, di temperamento. Sembra, allo stato attuale, che questo obiettivo lo abbiano raggiunto. Ebbene, insegnando che è “male” tutto ciò che si discosta da liberismo e comunismo, che non bisogna mai ribellarsi, che bisogna tassativamente essere moderati, ogni forma di scontro politico, dialettico e retorico si sta abissando. Un Comune come quello di San Pietro Mussolino di 1600 anime, che dovrebbe in quanto a variopinta popolazione essere di esempio in quanto ad avanguardismo politico, si sta riducendo a semplice ente vivente dall’encefalogramma quasi piatto. Una giunta comunale che agisce con totale distacco nei confronti della popolazione; un’opposizione che si limita a presenziare per inerzia senza dare mai segni di vita, per quasi tutti è cosa normale, per noi fiammisti è inaccettabile. Iniziato il mese di aprile, già cominciano a girare voci di corridoio su potenziali liste di candidatura, ma tanto la favola la conosciamo bene. Finisce la campagna elettorale e finisce la politica del paese. E’ oramai diventata una visione comune quella del lasciar fare, un ossequioso quietismo che va a troncare ogni forma di dibattito. Noi giovani fiammisti, vogliamo una pubblica amministrazione forte ed avanguardista. Abbiamo bisogno di certezze, di sostegno, di essere ascoltati. E’ ora di mettere nel cassetto tutti i vecchi rancori e le ripicche delle quali si fanno spesso bandiera i candidati per essere eletti. Noi rivogliamo una Giunta comunale che prenda iniziative coraggiose e di forte sviluppo. E’ il momento che lo spirito democristiano nato perdente e finito nelle carceri per tangenti, venga definitivamente schiacciato per dare spazio a ha il cuore infiammato di volontà e onestà. La mediocrità spirituale e culturale dei nostri attuali amministratori non dovrà più trovare spazio.

(Gabriele Tasso – Sez. Valchiampo MS-Fiamma Tricolore)