SESSUALITÀ COME ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA – DI EMILIO GIULIANA

In questi giorni a causa di una convalescenza mi sono trattenuto a casa, con l’occasione mi è capitato di intrattenermi davanti la televisione e seguire qualche programma. Naturalmente è bastato l’assaggio di qualche trasmissione pomeridiana, per tornare alle buone abitudini, tenere la televisione spenta! L’esperienza è stata poco gradevole, però finalmente ho capito dove trovano origine i modelli e i pensieri dell’uomo contemporaneo. Il costante susseguire di tette, culi e gambe scosciate messe in bella mostra mi hanno fatto riaffiorare dai meandri della memoria “letture” che spiegavano con largo anticipo come si sarebbe presentato l’odierno scenario. Strategie pianificate dentro i “Templi del Potere” (Trilateral, Bildeberg, Round Table, eccetera), gruppi extra governativi che decidono le politiche economiche, sociali e morali di buona parte del mondo, con un unico fine, abbattere l’eredità storica e culturale occidentale, retaggio di un mondo tradizionale, quello classico romano plasmato dal cristianesimo! Già all’inizio dell’ 800′ Thomas Robert Malthus scrisse che il modo migliore per controllare socialmente e demograficamente l’umanità è la diffusione del vizio e dell’immoralità. I nuovi Malthusiani stanno ora applicando tale dottrina a raggio planetario sotto l’insegna della rivoluzione sessuale. I teorici della rivoluzione sessuale riprendono alla lettera i concetti dell’antica gnosi. Wilhelm Reich, ad esempio, vede la radice del male umano nell’individuazione: staccandosi dall’Unum o Pleroma, nel quale risiede la pienezza dell’essere , l’uomo si appropria di una sua individualità parzializzata, essenzialmente imperfetta e cattiva; perciò l’atto generativo, che arresta il flusso dell’energia > diffusa nel cosmo provocando l’individuazione, è essenzialmente cattivo. La rivoluzione sessuale porterà gli uomini a fruire dell’energia organica abbandonandosi totalmente al suo flusso vitalizzante, mediante l’esercizio della libera sessualità ed evitando la procreazione. Si vede chiaramente come simili principi, applicati col sussidio delle più avanzate tecniche contraccettive, distruggono in radice la famiglia e la compagine sociale, provocando una immoralità senza frontiere. Non si tratta di idee astratte: esse trovano una applicazione su vasta scala nei programmi malthusiani promossi dal mondialismo neo pagano. La rivoluzione sessuale dispone di centri di influsso molto avanzati, a raggio mondiale. Si avvale dei grandi mezzi di comunicazione sociale, è legata ad imponenti operazioni commerciali, punta decisamente a un sinarchismo mondiale di indole naturista , avanza con la baldanza del quarto cavaliere dell’Apocalisse. Nell’Apocalisse c’è scritto: