Troppo rumore per nulla

Troppo rumore per nulla Continuano a circolare voci infondate che, alla luce di valutazioni e dichiarazioni assolutamente personali di alcuni nostri militanti /e dirigenti, prefigurano o addirittura annunciano alleanze con altri Partiti (nel particolare FLI), che non sono assolutamente in essere. Anzi, ricordo con l’occasione che portavoce del MS Fiamma è solo il sottoscritto, nella sua qualità di Segretario Nazionale ed inoltre rammento a tutti che, per prassi, in occasione di appuntamenti elettorali di importanza nazionale (e non solo), oltre a quanto stabilito in sede congressuale, sono sempre stati consultati in materia gli organi di Segreteria Nazionale ed il Comitato Centrale, naturali sedi del dibattito e delle scelte in proposito. Il Partito ha celebrato un Congresso Nazionale in dicembre che ha stabilito a grande maggioranza la volontà di affiancare (o cercare alleanze elettorali), Partiti, Movimenti, Coalizioni con i quali vi siano -oltre alla contingenza delle vigenti leggi elettorali-, alcuni valori e ideali condivisi, nell’ovvia speranza che essi rappresentino (se non il male minore), la migliore prospettiva per le sorti del Popolo Italiano e della nostra Patria Italia, una, Nazione e indivisibile. Ben vengano dunque ogni dibattito o opinione su quali tattiche elettorali, quali alleati e quali temi affrontare e sostenere: sono tutti degni di attenzione e considerazione. Le scelte però rimangono competenza del Segretario Nazionale e degli organi sopra menzionati. Spiace che ogni tanto con superficialità si rilascino dichiarazioni, ma spiace tanto più che con troppa superficialità si prendano lucciole per lanterne e si lasci ai numerosi sciacalli che affollano la cosiddetta “area” l’opportunità di spargere il velenoso frutto della discordia o addirittura la solita “sindrome di Badoglio”. La sindrome che li ha accomunati, per anni -strictu sensu-, a quanti decisero la liquidazione del MSI e la “svolta liberale” con AN. Che a sinistra ci sia chi individua in Berlusconi il nuovo Duce è altrettanto ridicolo di chi a destra individua in Fini il nuovo Badoglio. Noi siamo un’altra cosa, piccola forse, ma abbiamo il progetto politico più alto, più ambizioso e generoso: il nostro progetto Sociale per l’Italia e dobbiamo trovare il modo di poterlo proporre e propagandare partecipando alle elezioni -soprattutto alle politiche-; dobbiamo partecipare e poter in questo modo parlare a tutti gli italiani, andare oltre il ridotto, oltre lo stretto miserello (per fortuna), delle chiacchiere internettiane. Luca Romagnoli