VERONA – Commemorare il Giorno del Ricordo

Partecipando alle commemorazioni del Giorno del Ricordo insieme alle Ass. Combattentistiche e all’Ass. Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, nelle quali si è rievocato il dramma dell’esodo dei nostri fratelli Istriani e l’orrore degli infoibamenti, una cosa mi ha colpito profondamente durante le testimonianze degli Esuli e dei loro familiari: che il ricordare non è sufficiente.
La Memoria, e solo quella, perdurerebbe nel tempo. Ecco quindi la mia proposta, dopo aver ascoltato queste testimonianze: Verona si distinse in quel lontano 1947, per spirito di accoglienza e fratellanza verso i nostri connazionali, ove ben 800 famiglie trovarono ospitalità e benevolenza, mentre altrove (Venezia, Bologna e Ancona) venivano offese e ripudiate per pura strumentalizzazione ideologico-politica, accusati di cose non vere e non considerati per ciò che semplicemente erano: gente veneta, gente italiana.
Anche Verona, dunque, si doti di un Monumento agli Esuli di Istria, Fiume e Dalmazia, a perenne ricordo della loro tragedia e del loro sconfinato amore per la propria Terra: l’Italia! Mi farò promotore in questi giorni affinché la nostra amministrazione possa porre le basi per arrivare a questa sacrosanta conclusione.

(Andrea Miglioranzi – Consigliere Comunale)