VERONA – IMMIGRAZIONE: UNA “RISORSA”, MA PER CHI?

Ha suscitato interesse in questi giorni uno studio di Bankitalia secondo il quale la crescita della presenza straniera in Italia negli ultimi anni rappresenterebbe una risorsa per il nostro Paese, oltre che dal punto di vista della crescita demografica, anche in termini occupazionali (!?), arrivando addirittura a garantire:

– una maggior richiesta di posti di lavoro per gli italiani più istruiti in ambito gestionale e amministrativo a fronte di una massa di stranieri con mansioni meno qualificate;

– la possibilità di poter meglio fronteggiare gli impegni di lavoro per le donne italiane, grazie ad un maggior godimento di servizi per l’infanzia e per l’assistenza agli anziani.

Questo in sostanza quanto sostengono gli studiosi di Via Nazionale. Una manna dal cielo, insomma, di cui non c’eravamo proprio accorti, così come non se ne era accorto un distratto centro-sinistra, che usa ora strumentalmente questo studio (forse un tantino interessato visto il pulpito da cui viene proposto?) che sconfesserebbe quanto sin qui sostenuto dal governo. Più volte in precedenza, anche le gerarchie vaticane avevano sottolineato l’atteggiamento del governo Berlusconi ingrato e non rispettoso nei confronti della presenza immigratoria, da considerarsi come una autentica “risorsa” (a detta dei massimi esponenti della Chiesa). Fresche sono poi le critiche della Santa Sede nei confronti della politica (timida) dei respingimenti avviata dall’Italia in accordo con la Libia ; critiche prontamente condivise e ribadite anche dalle agenzie del mondialismo laico targate Onu e Consiglio d’Europa. Insomma un vero spasso: le oligarchie e i clan laici e teologici che innervositi gettano la maschera, tutti uniti a difesa del mercato di uomini. Tutti i papponi coalizzati in una sorta di “banda glob”: il sistema bancario, la Chiesa , le associazioni catto-comuniste, i nuovi negrieri, i datori di lavoro in nero e le multinazionali! Chi sfrutta la disperazione degli immigrati e chi le nazioni di provenienza dei moderni schiavi della democrazia… Tutti pronti ad andare a braccetto superando diatribe e lotte intestine, dimenticando le accuse reciproche d’essere chi “oscurantista” e chi “massone”, insieme appassionatamente nella crociata contro l’Identità. Sì, perché dietro il loro ipocrita, arrogante, multinazionale “buonismo” c’è tutto l’odio per le radici profonde e antiche, per lo spirito eccelso, per la forma, per la bellezza e la vitalità! Per questo, per disinnescare il futuro infernale di guerra tra poveri che si delinea al nostro orizzonte, occorre rimuovere le cause dell’immigrazione con accordi e collaborazioni bilaterali con i Paesi extraeuropei e tagliare le unghie a quel macrocosmo parassitario che dietro alle “politiche d’accoglienza” maschera i propri interessi economici, religiosi o ideologici!

(Segreteria provinciale Movimento Sociale Fiamma Tricolore – Sezione “Michele Silvestri” – info@fiammaverona.it)